Festa della Liberazione all'insegna di due 10km competitive che hanno visto alcuni dei nostri soci tra i protagonisti...

Partiamo da Pietra Ligure (Sv) dove l'associazione locale dava vita alla 10k "La Rapidissima" dove tra i 449 partecipanti (QUI la classifica) si è contraddistinto il nostro Simone Toffano che ha concluso la sua prova al 28° posto assoluto e 1° SM40 nel tempo di 33'55" (media 3'23" al km.) eguagliando il crono realizzato in pista a Brescia l'11 Aprile scorso, bravo Simone avanti così! Questo il suo commento:"Avrei voluto fare meglio e per questo sono partito troppo forte con i primi 3km velocissimi (3'15" al km. di media), ma va beh fa niente mi sono divertito e ora sotto con gli allenamenti per la prossima 10k che sarà ai Campionati Italiani di Paratico il 23/5...".

Per la cronaca la vittoria è andata a Said El Otmani (CS Esercito, 30'15"), su El Bir (Atl. Biotekna, 30'51") e su Emanuele Repetto (ASD Team Km Sport, 30'56"), mentre tra le donne si è imposta l'etiope Tegegn Addisalem Belay (Atl. Saluzzo, 33'40") su Carla Primo (Rari Nantes Torino, 36'39") e su Teresa Montrone (Atl. Locorotondo, 37'41"). 

Invece a Milano si è corsa la Montestella Run Free (QUI i risultati) dove tra i 289 classificati si sono contraddistinti i nostri Paolo Ballabio (15° assoluto e 4° SM40 in 36'28"), Silvano Scandella (91° e 1° SM70 in 44'14") e Katiuscia Scandella (246^ e 14^ SF45 in 58'03") nella prova vinta da Manuel Molteni (GS Villa Guardia, 33'13") e Maria Righetti (Atl. Lecco, 37'52"), complimenti e grazie a tutti!

Sempre Domenica 25/4 a Verbania, nell'ambito del 7° Meeting Regionale della Liberazione, il nostro Enzo Meneguzzo (nella foto) nella gara nei 3.000m ha stabilito il nostro nuovo record sociale di categoria SM55 nel tempo di 10'37"37, migliorando il precedente limite di ben 6 secondi (10'43"37 di Francesco Mazzilli 2014). I risultati completi del meeting li trovate QUI,. mentre quelli della prova di Enzo sono QUI. Questo il suo commento:"Sono contento del risultato, passaggio ai mille in 3'30", ai 2mila in 7'09" e con ultimo 400min 1'16". In settimana vedo di riuscire a fare i 4km sociali...".

Classe 1966 Enzo, tesserato con noi dal 2006, detiene ben 15  record sociali nelle varie categorie, dei quali 2 nella SM40 (negli 800m in 2'05"38 nel 2007 e nei 1.500m in 4'17"32 nel 2008), ben 4 nella SM45 (nei 400m in 59"60 nel 2011, negli 800m in 2'08"18 nel 2015, nei 1.500m in 4'18"89 nel 2015 e nei 2.000m in 6'20"90 nel 2011), altri 6 nella SM50 (negli 800m in 2'07"26 nel 2016, nei 1.000m in 2'50"46 nel 2016, nei 1.500m in 4'23"16 nel 2016, nel miglio in 4'50"50 sempre nel 2016, nei 2.000m in 6'12"08 nel 2016 e nei 10.000m in pista in 37'58"06 nel 2019) e conquistandone altri 3 in questo inizio di stagione nella nuova categoria SM55 (agli Italiani indoor di Ancona negli 800m in 2'19"64, nei 1.500m in 4'44"19 e oggi nei 3.000m di Verbania in 10'37"37). Fantastico Enzo, continua a scrivere i tuoi nuovi limiti nella storia dell'Atletica Casorate!

In ambito azzurro (fonte Fidal.it), al parco Le Bois aux Daims di Morton, non lontano da Poitiers, chiude al sesto posto Pietro Riva (nella foto) nella gara di 5 chilometri con il tempo di 13:50 realizzando il primato personale su questa distanza, in progresso rispetto al 14:04 ottenuto alla BOclassic nell’ultimo giorno dello scorso anno. Si migliora anche Samuele Dini (Fiamme Gialle), nono in 29:08 sui 10 km , ritoccando il suo 29:17 datato 2017. Al femminile nei 5 chilometri finisce quinta la ventenne Ludovica Cavalli (Bracco Atletica) con 16:56, a sua volta in crescita, per abbassare il 17:18 di due anni fa. Vittoria al traguardo per il keniano Hillary Kipkoech, con la migliore prestazione mondiale stagionale in 27:35, e per l’etiope Mekdes Woldu (31:47) sui 10 chilometri. Successo del Kenya con Boniface Kibiwott (13:24) anche nei 5 km, dominati invece tra le donne in 15:22 dalla svedese Sarah Lahti.

Infine all'Arena di Milano, nell'ambito del meeting in pista Walk&Middle Distance Night, l'azzurra Nadia Battocletti (nella foto) con il crono di 15:36.39 sigla la migliore prestazione italiana under 23: superato dopo quasi 32 anni il 15:37.59 di Orietta Mancia del 1989. La ventunenne trentina delle Fiamme Azzurre abbatte il personale di quasi dieci secondi rispetto al 15:46.26 di Modena dello scorso ottobre, peraltro in una prova senza avversarie del suo livello e rimanendo completamente in solitaria negli ultimi due chilometri. 

Nel corso del meeting milanese da segnalare anche la marciatrice Eleonora Giorgi che vince la prova nei 5000 di marcia (21:30.30), con il campione italiano della 20 km Federico Tontodonati che si mette in proprio dopo nemmeno un chilometro vincendo la prova togliendo quasi venti secondi al proprio limite sui 5000, portato a 19:07.64. 

Nelle altre gare, nei 5000 maschili la vittoria arride ad Alberto Mondazzi (Atl. Casone Noceto) che si regala il primo blitz sotto i quattordici minuti, con 13:48.86, a tre anni dal 14:30.25 del 2018, prendendo d’infilata Francesco Breusa (Battaglio Cus Torino) e Ahmed Abdelwahed (Fiamme Gialle) negli ultimi 150 metri. È il secondo primato personale in pochi giorni per il 23enne lombardo allenato da Pierino Endrizzi, laureato in economia aziendale alla Bocconi, già visto in mezza maratona nel 2020: domenica scorsa a Rubiera era cresciuto fino a 29:14.94 nei 10.000 metri, distanza che lo riporterà in gara ai Tricolori di Molfetta il 2 maggio. Gara vivace, in quattro sotto i quattordici minuti, con tanto di primati personali anche per Breusa (13:51.32), Abdelwahed (13:52.48) e Stefano Massimi (Cus Camerino) in 13:58.03. L'altra sorpresa del meeting milanese è l’enorme progresso del ventenne Matteo Guelfo nei 1500 metri: genovese della Trionfo Ligure, tricolore juniores nella scorsa stagione a Modena, saluta tutti ai cinquecento metri dal traguardo e firma oltre quattordici secondi di primato personale, sbucando a un ottimo 3:39.80, tutt’altra storia rispetto al 3:54.09 dello scorso ottobre. Un miglioramento costruito negli ultimi mesi, a partire dalla fine di novembre, a Castelporziano (Roma) alla corte di Vittorio Di Saverio, in gruppo con il giovane azzurro Federico Riva. Cresce anche Giovanni Filippi (Us Rogno) secondo in 3:42.09. La stagione all’aperto di Elena Bellò (Fiamme Azzurra), dopo la semifinale europea di Torun, scatta dalla prova spuria dei 600 metri: il successo in 1:27.98 nel duello con Serena Troiani (Cus Pro Patria Milano, 1:28.05) è incoraggiante in prospettiva ottocento. Meno combattuta la gara dei 1500, vinta da Elisa Bortoli (Esercito) in 4:20.90. 

Antonio Puricelli

Ricerca

Sponsor

 

Articoli in Evidenza

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies
Maggiori informazioni Accetto